Acerenza

.

Foto degli Utenti

Foto del Sito

i Monumenti

.
 

Hanno Scritto B a c h e c a Inserisci Foto
gli Artisti Commenti Foto

Comune di Acerenza

 

Comune (PZ)
E Abitanti  3.010
Altitudine 831 mt.
Superficie77,13 Kmq
* C.A.P. 85011

 

Municipio 0971.741811
Biblioteca Comunale 0971.741001
Guardia Medica 0971.741462
Carabinieri 0971.741024


ACERENZA
La cittadina è costruita sull’alto di una rupe, a 833 m.s.m., in eccellente posizione panoramica. Sui bordi della rupe sono state realizzate opere di consolidamento che, viste di lontano, gli conferiscono l’aspetto di un centro fortificato.
Il centro storico mantiene ancora pregevoli caratteri ambientali, con edifici d’interesse storico-artistico del XVII-XVIII secolo.
Vi sono testimonianze di insediamenti preistorici sul vicino Monte La Guardia dove, a 865 m.s.m., si sono trovate abitazioni della prima Età del Ferro e, in grandi grotte, si sono trovati manufatti litici; altro materiale Neolitico è stato trovato nella Serra Altura.
Sul luogo dell’attuale abitato nasce l’antica Acheruntia, citata da Orazio, e risulta ben documentato un centro abitato del VI secolo a.C.; nel 318 a.C. viene conquistata dai Romani e, dopo lo scontro di Eraclea nella guerra contro Pirro, nel 280 a.C. vi si rifugia il Console Publio Valerio Levino.
Nel V sec. d.C. è Diocesi ed assume grande importanza; occupata da Totila, diviene oggetto di una lunga contesa tra Longobardi e Bizantini; viene distrutta dai Franchi e, una volta ricostruita, Acerenza riconquista un ruolo preminente nella Regione.
Nel 1061 viene conquistata da Roberto il Guiscardo e nello stesso periodo viene elevata al rango di Diocesi Metropolitana. Nei periodo svevo ha un grande ruolo strategico e, nella rivolta ghibellina del 1268, gli acheruntini si schierano con gli Angioini. Il periodo feudale è delle famiglie Sanseverino, Durazzo, Ruffo, Barnota e Morra.
Viene gravemente danneggiata dal sisma del 1456 e diventa feudo dei Ferrillo, degli Orsini di Gravina, del Pinelli e dei Pignatelli di Belmonte. Vanta notevoli tradizioni culturali; Mario Pagano studia nel Seminario Acheruntino; dà i natali all’architetto Filippo nel XIII secolo ed a Giuseppe Ottomani, defunto nel 1786.

 

Ex Castello

È il secondo polo architettonico della cittadina che risulta un complesso imponente con il vero e proprio fabbricato del castello e le numerose pertinenze.

È situato tra Largo Gianturco, Via Giacinto Albini, Via Vittorio Emanuele e Largo Gaia.

Gli attuali Palazzo del Vescovado e Palazzo Vosa, del XVIII secolo, potrebbero essere parte dell’impianto anteriore al dominio Longobardo che comprende anche, dalla parte dell’ex Seminario, la cappella di San Vincenzo.

da: A.P.T. Basilicata "Itinerari di Federico II"  

 

 

 

Manifestazioni ed eventi:

12/13 giugno

Festa Patronale in onore di Sant'Antonio da Padova

25 maggio

Festa in onore di San Canio (Patrono)
 

Fiere e Mercati delle merci:
 

mercati:

ogni terzo mercoledì del mese

fiere:

17 luglio / 25 settembre


Altri Eventi (segnalati)

 


 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivici ]