Il Monte Alpi

Home

Monte Alpi

l'acqua

slideshow

stop

ingrand.

 

   Cliccare sull'immagine per ingrandirla e leggere la descrizione.

 
 

Hanno Scritto

Il Sirino

Latronico

MontePollino Castelsaraceno

 

 

  Monte Alpi   altitudine mt. 1900


Il Monte Alpi


Il monte Alpi è una delle montagne più alte dell'Appennino lucano, arrivando ai 1900 metri ed anche una delle più interessanti ed intatte dal punto di vista naturalistico ed ambientale. E' localizzato nell'alta valle del fiume Sinni, quasi al confine con la Calabria, isolato e distinto dal complesso del Pollino e dai monti dell'Orsomarso

Il monte Alpi è paragonabile ad una grossa zolla di calcare cretacico a forma di cuneo, che emerge bruscamente dai circostanti terreni sedimentari di origine più recente. Costituisce infatti un interessante singolarità geologica, la cui collocazione geografica non è facile da spiegare, essendo la sua morfogenesi simile a quella della placca abruzzese - campana. E' famoso per il suo particolare alabastro, utilizzato come marmo ornamentale.

I suoi versanti più elevati, anche quelli più acclivi, sono caratterizzati dalla presenza della pianta simbolo del Parco, il pino loricato. Alla base del bastione di roccia che si eleva a strapiombo per oltre 500 metri, dove la roccia lascia il posto a morbide ondulazioni argillose, è possibile osservare insoliti esemplari di agrifoglio, che qui assume portamento arboreo. Alcuni tassi colossali, di certo ultracentenari, completano il quadro.

Dalla vetta del monte Alpi si possono osservare simultaneamente: a ovest la costa tirrenica e le principali vette del Cilento, a nord l'alta Val d'Agri, a sud il massiccio del Pollino e in particolari condizioni anche la Sila, ad est il complesso sistema di calanchi argillosi che scendono verso il mar Ionio.

Sulle sue pendici si trovano alcuni interessanti centri urbani, tra cui Latronico e Castelsaraceno. A Latronico risulta di particolare interesse un complesso di grotte, caratterizzate da una complessa stratificazione archeologica, che attesta un periodo di frequentazione che va dalla fine del Paleolitico sino all'Età del Bronzo. Un'altra caratteristica di Latronico è la ricchezza di fonti idrotermali. Interessante il centro storico di Castelsaraceno, il cui nome potrebbe indicare che il borgo fu costruito a vedetta contro le incursioni saracene o, secondo un'altra ipotesi, che fu costruito proprio dai Saraceni nell'anno 1031.
 

 

da: "www.terredelmediterraneo.org"     


 

[ Mailing List ]  [ Home ]  [ Scrivici ]

.agg. al 27/06/2007