Barile (PZ)
(Barilli)
 

.

Foto degli Utenti

Foto del Sito

i Monumenti

.
 

Hanno Scritto B a c h e c a Inserisci Foto
gli Artisti Commenti Foto Laghi di Monticchio

Comune di Barile

 

Comune (PZ)
Abitanti  3.319
Altitudine 600 mt.
Superficie 26,60 Kmq
* C.A.P. 85022

 

  Municipio 0972.648206
  Guardia Medica 0972.770242
  Biblioteca (Mons. Telesca) 0972.770571
  Pro-Loco 0972.770244


Barile è ubicato su un costone del Monte Vulture, maestoso vulcano, spentosi in tempi preistorici.

Le sue origini sono abbastanza antiche. Fu ritenuta una colonia greca per il ritrovamento, nel suo territorio, di molte monete consolari e medaglie risalenti al tempo di Roma repubblicana.

Tuttavia è certo che fu fondata da una colonia di albanesi provenienti da Scutari e da Croia nel 1464, come attesta una parte dell’abitato, scavata nel tufo, detta ancora oggi degli “Scuteriani”. Nel 1534 Carlo V vi fece inviare un’altra colonia di Corone, imbarcata su 200 navi mercantili. Un altro gruppo di profughi di Marina arrivò nel 1647 che popolò ulteriormente l’abitato.

Ancora oggi permangono il tipo etnico e il dialetto albanese con speciali manifestazioni tradizionali. Delle feste caratteristiche sono notevoli quella detta “Vlame” (abbreviazione della frase albanese “sì vla ham” cioè "come fratelli mangiamo" e quella della Madonna di Costantinopoli (santuario a qualche chilometro dal paese). Detta chiesa, posta sulla S.S. 93 è costruzione del XV secolo e conserva nel suo interno una contemporanea tavoletta bizantina, con la Madonna di Costantinopoli.

Del periodo feudale resta il palazzo baronale dei Torella, modificato e restaurato dopo il terremoto del 23 novembre 1980. A Barile è rimasto in uso il rito religioso greco-albanese fino al 1627 quando il vescovo di Melfi ne impose la soppressione e l’uso di quello latino.

Di particolare interesse storico-artistico la monumentale fontana dello Steccato (con figure apotropaiche, cioè che allontanano dal male) del 1713 e la fontana del Fico del 1860.

Di grande richiamo la Processione dei Misteri del “Venerdì Santo”, che si rinnova ormai da quasi 300 anni e che vede la partecipazione di un centinaio di personaggi.

Meta dei turisti sono i famosi laghi di Monticchio, da dove si può raggiungere la cima del Vulture alto metri 1.333.

L’economia di Barile è affidata quasi esclusivamente alla coltivazione di viti di aglianico.

 

 

Repertorio artistico-turistico

Nella piazza centrale si eleva superba la monumentale Fontana dello Steccato del sec. XV.

Nella Chiesa della Madonna di Costantinopoli si conserva un affresco murale della Madonna, di stile bizantino (XIV sec., l’autore è ignoto).

Nella Chiesa Madre si trova un dipinto bizantino (sec. XV) raffigurante la Madonna di Costantinopoli ed una pregevole tela del XVII sec., raffigurante la Madonna trafitta da sette stilette - ignoto l'autore.

Nella Chiesa di San Nicola è custodita una tela, raffigurante l'annunciazione, del 1464 ed un altro dipinto del pittore Girolamo Bresciano del '600.

Nella Chiesa di Sant'Attanasio e San Rocco si conservano quattro dipinti del 1640 di scuola napoletana.

Nella chiesa dell’ex convento dei carmelitani di Santa Maria, del Carmine è custodita una tela di fine '700, di scuola napoletana, raffigurante la Madonna del Carmine.

 

 

 

Manifestazioni ed eventi:

19 marzo

Festa di San Giuseppe

Venerdì Santo

"Processione dei Misteri" Via Crucis con personaggi viventi.

13 giugno

Festa Patronale MADONNA DI COSTANTINOPOLI

13 giugno

Festa in onore di Sant'Antonio nella Parrocchia di San Nicola Vescovo.

15 giugno

Benedizione del pane e degli animali domestici davanti alla Chiesa dei SS. Attanasio e Rocco

24 giugno

Battesimo delle bambole

29 giugno

Festa in onore di S. Pietro e Paolo (R. Stazione)

16 Luglio

Festa in onore della Madonna del Carmine (R. Convento)

15/16 Agosto

Festa dell'Assunta e di S. Rocco

dicembre

Presepe vivente


Altri Eventi (segnalati)

 


 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivici ]