Calciano

.

Foto degli Utenti

Foto del Sito

i Monumenti

.
 

Hanno Scritto B a c h e c a Inserisci Foto
gli Artisti Commenti Foto Dolomiti Lucane

Comune di Calciano

 

Comune (MT)
E Abitanti  940
Altitudine 425 mt.
Superficie48,70 Kmq
* C.A.P. 75010

 

  Municipio 0835.672016
  Guardia Medica 0835.672169
  Carabinieri 0835.672012


CALCIANO

Il paese può essere considerato idealmente la porta del Parco di Gallipoli-Cognato e delle Dolomiti Lucane, data la sua vicinanza all'area naturalistica il cui territorio comprende cinque Comuni a cavallo delle due province. Anticamente il piccolo centro sorgeva più in basso, su un'altra collina dove oggi si intravedono i resti di una fortificazione e della chiesa di “Santa Maria della Rocca”. Numerose grotte, resti di case e la presenza della chiesa testimoniano come un tempo il luogo fosse abitato. Forse l'aria malsana delle paludi costrinse gli abitanti a trasferirsi nell'attuale posizione , come confermato dagli scritti dello storico Giuseppe Pennetti, ma forse la causa del trasferimento potrebbe essere attribuita anche ad una frana che interessò il sito. Una bolla di Papa Lucio III, dell'anno 1183, include Calciano tra i centri della diocesi di Tricarico. Diverse le ricerche e gli studi effettuati per capire l'origine del nome del paese. Secondo lo storico Racioppi (vedi raccolta “Origini storiche investigative sui nomi geografici della Basilicata”) Calciano deriverebbe da “Calpianum e Calpius o, verosimilmente da Caltius, Caltianum”. Ma non solo, perchè il nome potrebbe derivare da “Calcidianum, da Calcidius, oppure, l'ipotesi oggi più affermata, da “Caucium” che in Medio Evo significava “un luogo basso e paludoso, ovvero un argine di strada sollevato su terreno basso e paludoso. Condizioni locali che si riscontrano, secondo l'autore della raccolta, nella topografia della contrada. Molti attribuiscono a Calciano un precedente toponimo “ Gaudianum”, ma di questo nome non vi sarebbe traccia in nessun documento ufficiale. Calciano intorno al 1100 d.c. è un antico paese feudale. Sotto il dominio del Re Ladislao, fu ceduto al Attendolo Sforza. Nel XIII secolo Calciano era sotto il dominio dei Principi di Bisognano, i cui Signori avevano fatto costruire un castello realizzato sulla rocca del vecchio sito del paese dove oggi si sta cercando di ricostruirne una parte. Fu il volere del Principe di Bisignano a commissionare e dotare la Chiesa di Santa Maria della Rocca di dipinti ed opere d'arte per impreziosire l'edificio sacro, tra cui gli affreschi ed il polittico, attribuito a Bartolomeo da Pistoia e datato 1503, opere che oggi si trovano presso la Chiesa Matrice di Calciano. Intorno al 1600 il feudo passò ai nobili Sanseverino e successivamente ai Pignatelli ( Francesco Pignatelli, duca di Bisaccia). Infine fu ceduto al Duca Ippolito Revertera della Salandra. Di quest'ultima dominazione è presente ancora oggi, nel logo del Comune, la stella dorata, uno dei simboli del Blasone dei Duca Revertera. Nel XIX secolo Calciano, Garaguso e Oliveto Lucano si associarono per dare vita ad un unico Municipio che prese il nome, inizialmente, di Oliveto Lucano, poi di Garaguso, quando Oliveto si distaccò, fino al 1913 anno in cui anche Calciano riprese la propria autonomia.

 

tratto da: http://www.comune.calciano.mt.it
 

 

 

Repertorio artistico-turistico

Chiesa di San Giovanni Battista con un trittico raffigurante la Madonna col Bambino tre Santi, attribuito a Bartolomeo da Pistoia del sec. XVI. Nella stessa chiesa sono conservati anche una statua lignea della Madonna, trecentesca, ed una preziosa croce processuale in rame, del XVI sec.

Nei dintorni: Tra i ruderi della vecchia Calciano vi è la chiesa dell’ex rocca (sec. XIII e XIV) con affreschi del 1506.

 

 

 

Manifestazioni ed eventi:

martedì grasso

Carnevale - Sfilata di maschere con trasporto su carro del fantoccio di Carnevale e della consorte Quaremma, processo a Carnevale e falò conclusivo.

19 / 20 marzo

Falò e sagra dei fagioli con la cotica.

13 giugno

Sant'Antonio da Padova - Processione della Statua con "ceri" votivi di candele.

tutto  il mese di agosto

Serate all'aperto con canti e balli. Sagre varie e rassegne di pittura e fotografia.

7 / 8 settembre

Festa patronale in onore di San Rocco e della Madonna della Serra - Processione della Statua e dei "ceri" votivi di candele e spari di mortaretti lungo il percorso.


Altri Eventi (segnalati)

 


 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivici ]