Francavilla in Sinni

 

.

Foto degli Utenti

Foto del Sito

Monumenti

.
 

Hanno Scritto B a c h e c a Inserisci Foto
Gli Artisti Commenti Foto Il Pollino

Comune di Francavilla in Sinni

 

Comune (PZ)
E Abitanti  4.184
Altitudine 421 mt.
Superficie 45,95 Kmq
* C.A.P. 85034

 

  Municipio 0973.577105-3

Centro Informazione Ente Parco Nazionale del Pollino

0973.644066
  Guardia Medica 0973.574416
  Carabinieri 0973.577411


FRANCAVILLA IN SINNI

CENNI STORICI
Francavilla sul Sinni sorse nel XV sec. sul territorio della Certosa di San Nicola appartenuto al Principe Severino di Chiaromonte. Nel 1420 la moglie, la Principessa Giovanna, si rivolse con preghiera a San Nicola per la guarigione del figlio, gravemente ammalato promettendo in dono ai monaci della Certosa il territorio che vedeva dalla finestra del castello di Chiaromonte. Il luogo corrispondeva all’antico abitato di Francavilla, sulla sponda del fiume Sinni, alle pendici dei monte Caramola.. Per grazia ricevuta, la Principessa mantenne la promessa, permettendo ai Certosini l’edificazione di una borgata per alloggiare le popolazioni provenienti dai paesi limitrofi chiamate per lavorare le terre ed i boschi che scendevano folti fino alla Certosa. La borgata prese il nome di “Francavilla” perché i coloni erano affrancati dal pagamento dei tributi. Francavilla sul Sinni rimase sotto il controllo dei Certosini fino all’abolizione della feudalità. Fra il 1808 e il 1812, la Certosa fu distrutta dalle armate francesi per mano di Gioacchino Murat, cognato di Napoleone Bonaparte nella Campagna d’Italia. Dopo l’Unità fece parte del circondano di Lagonegro e del Mandamento di Chiaromonte. La sua popolazione, che al censimento dei 1862, ammontava sull’intero territorio comunale a 3045 persone, era dedita all’agricoltura (biade, olivi, viti lino, canapa) con una fiorentissima pastorizia e ricca produzione di formaggi. Storicamente ha sempre fatto parte della Diocesi d’Anglona e Tursi.

 

PATRIMONIO NATURALISTICO ED ARTISTICO
Il paesaggio di Francavilla si presenta interessante per l’alternarsi delle zone montane del Caramola, a sud, e delle medie colline con altopiani dove lussureggiante è la vegetazione con essenze ad alto fusto (faggi, cerri, abeti). Nei boschi e nel Parco Nazionale del Pollino è possibile effettuare escursioni sia a piedi che a cavallo con l’aiuto di guide: Rifugio Acquafredda (km. 8 su Strada Provinciale 63 e deviando a destra percorrendo km. 17 sulla strada Comunale); la Sorgente Catusa (5 Km. oltrepassando la colonia montana); la zona di Casa del Conte; la zona panoramica di Pietra Sasso; la zona geologica della Timpa delle Murge, costituita da rocce magmatiche formatesi sul fondo marino ed emerse dopo vasti movimenti tettonici; la Riserva Naturale Orientata del Bosco “Rubbio”, posta ad una altitudine media di 1250 metri sul livello del mare sulle pendici del Pollino lucano. Presso il fiume Sinni e nel Bosco dell’Avena, a soli 3 chilometri, sgorga un’acqua solforosa, chiamata “acqua fetente”. Altri punti panoramici sono Palladoro, veduta della valle del Sinni da Piazza Gonfalone, alture del monte Catarozzolo, alture di Timpa Altosana. In località Piano Lacco è visibile la zona archeologica di età medievale con probabili resti di insediamenti e strutture fortificate. Sulla collina, denominata monte Catarozzo insistono ruderi di una fabbrica medievale chiamata “Castello di Rubbio”. La zona non è stata sottoposta a campagne di scavo. Attualmente è visibile un’unica cinta muraria di profondo spessore eseguita in pietre non squadrate di varie dimensioni. Tre sono i laghi: lago Viceconte (località Avena), lago del Pesce (località Piano Lacco), lago D’Erba (località Caramola). Il patrimonio architettonico ed artistico di Francavilla è costituito dal Santuario della Madonna di Pompei del XIX sec., festeggiata la quarta domenica di agosto; la Chiesa Parrocchiale di S. Felice e S. Policarpo (protettori del paese). Si tratta di un edificio del XIX sec., restaurato nel 1957, che custodisce una grande tela raffigurante la presentazione al Tempio del XVIII sec., una tela raffigurante la Madonna in trono e Santi, un altare maggiore ed altari secondari in legno dipinto ad imitazione del marmo intarsiato del XVIII sec.; la Cappella di S. Antonio del XIX sec.; la Cappella di S. Giuseppe del XIX sec. con una tela raffigurante la Madonna dell’Assunta; la Cappella dell’Assunta del XIX sec.; la Villa Padronale detta “Castello Viceconte”, costruita nel 1886 con centro di azienda agricola e abitazione privata; la Certosa di S. Nicola, dedicata al Santo di Bari. Fondata in contrada S. Elania (comunemente detta Fra Tommaso) nel 1395 da Vencislao, conte di Chiaromonte. La Certosa doveva essere maestosa e magnifica, come appare dall’imponenza delle sue mura, ora diroccate, ed era la terza nel napoletano, dopo quella di Padula e l’altra di Serra San Bruno in Calabria. Possedeva numerose ricchezze donate dal Principe Sanseverino. I Certosini ebbero, in realtà, in dono, dalla Principessa Sanseverino, tutto l’agro di Francavilla, avendo questa ottenuto da S. Nicola la grazia per la guarigione del figlio gravemente ammalato. I Certosini, nel 1420, per concessione della regina Giovanna II, edificarono la borgata di Francavilla, per alloggiarvi i loro servi e coloni. Il nome deriva dal fatto che la loro villa era franca da ogni balzello regalizio. I contadini, sgravati da tasse ed angherie, si affrettarono a popolare il centro, che nei secoli successivi si ingrandì notevolmente. Soltanto gli abitanti dovevano pagare la decima alla Certosa, il cui priore protempore era il barone dei possedimenti. In tempi di carestia i certosini distribuivano gratuitamente il pane alla popolazione e, anzi, invalse l’usanza di distribuire ogni anno, dal 6 ottobre, festa di S. Bruno, al 9 marzo, festa di S. Nicola, pane a tutti. La Chiesa, ove non erano ammesse donne, non era grande, ma sfarzosa e splendida. Vi erano custoditi due grandi busti d’argento, uno di S. Nicola e l’altro di S. Bruno, fondatore dell’ordine. Il Convento era opulentissimo ma i Certosini spendevano molto tanto che spesso erano costretti a fare debiti e, quando fu soppresso, la Chiesa di Francavilla vantava un credito di 4000 ducati che non riscosse e dovette accontentarsi. di prendere parati ed arredi sacri. La distruzione della Certosa fu quasi totale tra il 1808 ed il 1812.

ECONOMIA, ARTIGIANATO E FOLKLORE
È da datarsi al dopoguerra la costruzione d’impianti atti alla trasformazione del legno. Questi ultimi, sfruttando i fitti boschi di ceni, faggi e abeti, limitrofi alla città, hanno dato vita all’industria del legno che è stata la prima fonte economica del paese. Attualmente, segherie e commercio del legname si affiancano all’antico artigianato tipico dedito alla realizzazione di botti, tini e sedie. È ancora presente e riscuote numerevoli consensi l’arte del ferro battuto, come non da meno è la lavorazione della ceramica e dei cesti, mentre una cooperativa ha ripreso l’antica cultura del ricamo, diffusissima un tempo tra le donne di Francavilla. Oltre alla lavorazione del legno, la zona artigianale può vantare la presenza di prestigiose aziende che hanno industrializzato la produzione di manufatti per l’edilizia, infissi e meccanica. Negli ultimi tempi si è sviluppata a Francavilla una certa economia dedita al commercio, rendendo la città un sicuro punto di riferimento anche per gli abitanti dei paesi limitrofi, intenti ad acquistare mercanzie di ogni genere: abbigliamento, abiti da sposa, arredamenti, automobili. Molto importante è anche la produzione e lavorazione delle olive, infatti, è ancora possibile visitare alcuni antichi frantoi. Proprio l’olio locale arricchisce un tipo di cucina fatta di sapori tradizionali mediterranei. Così, dopo i tipici antipasti, caratterizzati da insaccati prodotti con la cura di un tempo, è possibile assaporare pasta fresca fatta in casa e ottima carne di capretto allevato nelle masserie, il tutto accompagnato dall’ottimo vino rosato locale. I piatti tipici del luogo sono: la ciambotta (peperoni, melanzane, pomodori e cotica di maiale); zafaren ammaianet (peperoni rossi essiccati fritti con pastella di farina, uova); gliommarielli (interiora di capretto e agnello arrostiti); frittet co li sparij (frittata con asparagi e pezzi di salsiccia); brasciol d’scorz (braciole di cotica di maiale cotte nel sugo); lagane e fasul (tagliatelle con fagioli). Tra le manifestazioni religiose e folcloristiche sono da annoverare: festa di S. Antonio il 13 Giugno, fiera il giorno precedente. Festa della Madonna del Carmine il 22 luglio, fiera il giorno precedente. Festa dei Santi Patroni Felice e Policarpo il 10 agosto fiera il giorno precedente. Festa della Madonna di Pompei la quarta domenica di agosto con fiera il giorno precedente; un mese prima la madonna viene traslata in paese e il giorno della festa viene ricondotta la Santuario, posto in località San Biase, con una processione. Festa dell’Assunta il 15 agosto, fiera il giorno precedente. La sagra paesana più significativa è quella del vino, denominata comunemente “A Madonna di Pertusavutte” che si celebra l’8 dicembre, giorno dell’Immacolata. Si spillano le botti e si assaggia il vino. La pratica devozionale dall’offerta dei scigli (piccoli covoni costruiti con spighe di grano portati in testa dalle donne durante la processione) in occasione della Madonna di Pompei è decaduta da qualche anno. Molte altre manifestazioni sono da includere nella rassegna “Estate Francavillese” che si svolge per tutto il mese di agosto.

 

da: Amministrazione Comunale Francavilla sul Sinni


 

 

Repertorio artistico-turistico

Nella chiesa parrocchiale della Presentazione, al tempio della Beata Vergine Maria si conservano dipinti dei sec. XVI e XVII nonché una pala, raffigurante San Giovanni Battista, eseguita dal pittore lucano Francesco Giangrezio da Francavilla, del ‘600.

Nei dintorni: Sopra un poggio tra la cittadina e San Severino Lucano, ruderi dell’antica e celebre abbazia basiliana del Sagittario, costruita verso la fine del sec. X, in cui purtroppo è scomparsa una pregevole statua lignea. Della badia resta il campanile, mentre il coro, ricco d’intarsi del ‘600, è stato trasferito nella Chiesa di San Giovanni a Lauria Inferiore.

 

 

 

Manifestazioni ed eventi:

12 / 13 giugno

Festa in onore di Sant'Antonio

21 / 22 luglio

Festa in onore della Madonna del Carmine

10 agosto

Festa in onore di San Felice e San Policarpo  ( patroni )

I e II domenica
di agosto

Festa in onore della Madonna di Pompei

15 agosto

Festa in onore della Madonna dell'Assunta

8 dicembre

Festa in onore della Madonna di "Pertusavutta"

 

 
Fiere e Mercati delle merci:
 

mercati:

I° e III° sabato di ogni mese

fiere:

ultima domenica di ogni mese


Altri Eventi (segnalati)

 

 

 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivici ]