Grancia di S. Demetrio
Brindisi Montagna
 

 

.

Foto degli Utenti

Foto del Sito

Brindisi Montagna

.
 

Hanno Scritto B a c h e c a Inserisci Foto
gli Artisti Commenti Foto Monumenti

Comune di Brindisi Montagna

 


CHIESA DI SAN LORENZO E GRANCIA SAN DEMETRIO

Verso il 1462, i fratelli Luca e Roberto Sanseverino, principi di Bisignano, prima di dividersi i loro beni come diremo più diffusamente parlando della Grancia, donarono all'ordine dei Padri Basiliani la badia di S. Maria dell'acqua calda, con il feudo di Pietro Morella.
Una cappella con le immagini di S. Basilio e di S. Maria dell'acqua calda sorgeva presso la cima del monte Romito: là ove comincia il declivio verso oriente e tra il folto spineto se ne osservano i ruderi. E di S. Basilio fu detta la vigna grande in prossimità delle Grotte: distrutta poi in gran parte.
I frati basiliani, nel 1514, restaurarono la chiesetta che è tuttavia nel vasto fabbricato, a pian terreno, a destra dell'ingresso principale della Grancia; vi eressero un altare e sovra nella parete vi fecero dipingere l'immagine di Maria Santissima, che denominata dell'Acqua Calda, ha in braccio il bambino Gesù ed ai lati S. Bruno e S. Demetrio. E dei Coronei venuti poi, delle famiglie Bellezza, dei Buscicchio, degli Ariropoli, degli Avianò, dei Sanazzari, dei Truppa e dei Prete molti presero i nomi di Basilio e di Demetrio.
Sull'altare gli stessi frati collocarono la statuetta di S. Lorenzo e i martirii del santo fecero riprodurre in affreschi sui muri laterali.
In tempi più vicini, dei padri certosini di Padula, il piano superiore, nella parte più comoda e illuminata, era destinato al procuratore Padre Priore che vi ospitava visitatori illustri e monsignori; in esso, all'estremo dell'ala destra, vi era una cappellina detta «Oratorio del Crocifisso» ove nei venerdì di marzo veniva esposta la corona di spine del Nazzareno.

 

 

LA FORESTA GRANCIA - CATERINA

La Grancia è un'antica badia dedicata a San Demetrio e che inizialmente era dedicata a Santa Maria dell'Acqua Calda, forse per una falda di acqua termale al cui sbocco le mamme, fino al 1950, si recavano per il bucato "ammorbidente" dei bambini.
La Grancia, storicamente ha fatto parte dell'antico feudo di Pietra Morella; questo prendeva nome dal monte che sovrasta alle spalle il complesso abbaziale, oggi chiamato Monte Romito. Essa dipendeva giuridicamente da Brindisi, ed era retta dai monaci di San Basiliogià da prima del terremoto del 1456. Donata dai principi Sanseverino ai monaci certosini di Padula, fu eretta a Grancia di San Demetrio nel 1503, divenendo una grande azienda rurale condotta dai monaci laici. Ingrandita e arricchita di case, orti, seminati, vigneti, allevamenti di bestiame, mulini, conceria, saponeria, caseificio e si dice, di una condotta per il latte dal Monte Romito alla badia, ebbe il massimo splendore nel 1700.
Soppressi gli ordini monastici dalla legge napoleonica del 1806, la Grancia fu acquistata dai baroni Blasi di Pignola e rivenduta dai loro eredi al Demanio verso il 1925. Ogni anno il 10 settembre la chiesetta dell'ex badia è meta di fedeli per la festa di San lorenzo martire, bruciato vivo secondo la leggenda: fino al 1950 vi andavano i devoti del circondario per invocare il Santo contro la malaria; oggi le comitive affluiscono per una sagra rusticana di addio all'estate all'insegna del buon umore e della più cordiale ospitalità.
Dal giugno 2000 la Foresta della Grancia è diventata il più importante parco storico rurale e ambientale lucano. In estate è possibile assistere al Cinespettacolo "la Storia Bandita" una grande rappresentazione che mette in scena la vicenda delle rivolte contadine in Basilicata passate alla storia con il termine di "Brigantaggio". Il parco è concepito quale luogo di eccellenza in cui è possibile ritrovare tutti gli elementi forti, simbolici ed evocativi del mondo rurale regionale, vetrina privilegiata dell'artigianato artistico lucano, dei prodotti titpici agroalimentari e delle tradizioni locali. Su un'estensione di 9 ettari si snodano itinerari e percorsi della civiltà rurale, tra eventi spettacolari, attrazioni e animazioni. I costumi, i prodotti tipici, gli antichi mestieri danno vita ad una festosa atmosfera agreste, ove tra artisti di strada, concerti musicali e fantastiche attrazioni per grandi e piccini, si rivive lo spirito di un'epoca riscoprendo le tradizioni, i sapori e i colori della memoria. Le attrazioni del Parco sono molteplici: "L'accampamento dei Briganti"; "la cassa armonica"; "il borgo mercato"; "la posta dei cavalli"; "la corte degli animali"; "il sentiero dei rapaci"; "l'anfiteatro delle aquile" e per i più piccoli (il "Gran Teatro dei Burattini" e la "Foresta Fantastica").

 

 

 

Manifestazioni ed eventi a Brindisi Montagna:

12/13 giugno

Festa in onore di Sant'Antonio

2 luglio

Festa in onore della Madonna delle Grazie

15 agosto

Festa Assunzione Beata Vergine Maria

16 agosto

Festa in onore di San Rocco

7/8 settembre

Festa della Natività della Beata Vergine Maria

9/10 settembre

Festa in onore di San Lorenzo Martire (loc. Grancia)

6 dicembre

Festa in onore di San Nicola da Bari (Patrono)


Altri Eventi (segnalati)

 

 

 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivici ]