Guardia Perticara

.

Foto degli Utenti

Foto del Sito

i Monumenti

.
 

Hanno Scritto B a c h e c a Inserisci Foto
gli Artisti Commenti Foto

Comune di Guardia Perticara

 

Comune (MT)
Abitanti  758
Altitudine 720 mt.
Superficie 52 Kmq
* C.A.P. 85010

 

  Municipio tel. 0971.964003
  Guardia Medica 0971.964211


Guardia Perticara

Sorge in collina a circa 700 m. sul livello del mare in posizione dominante rispetto alla valle del torrente Sauro. Disposta a sud-est dei rilievi appenninici che caratterizzano la parte centrale della Basilicata, i monti della Maddalena, del Volturino e di Viggiano. Guardia Perticara è situata in un territorio di speroni collinari venati da numerosi corsi d'acqua. Il paese, dalle origini antiche, ha conservato intatto l'aspetto del borgo medioevale con le case in pietra a "faccia-vista", i vicoli stretti, le scale che si inerpicano fin su al castello e da cui si domina l'intera valle del Sauro. Lungo l'antica via dei Carbonari (oggi Armando Diaz) e le altre strade del centro, affacciano le case ed i palazzi storici di Guardia, ricchi di particolari architettonici e decorativi di rilievo: le pietre lavorate dai maestri artigiani e le volte in mattoni rossi. Di grande suggestione l'atmosfera in piazza Europa, un tempo piazza del Popolo, dove Francesco Rosi ha girato molte sequenze del film "Cristo si è fermato a Eboli": la fontana, la chiesa, il palazzo, il bar; la farmacia, creano nella piazza una "naturale" ed affascinante ambientazione neorealista. Ottima l'aria, che gode delle frescure dei vicini rilievi appenninici, e squisite le specialità gastronomiche, basate sulla vasta produzione di prodotti tipici locali come i formaggi, gli insaccati, gli ortaggi, l'olio ed il vino.

Chiesa Madre di S. Nicolò Magno
Ricostruita in seguito al terremoto del 1857 la chiesa fu gravemente danneggiata anche dal sisma del 1980. Attualmente è stata riaperta al culto e mancano per il completamento i lavori di restauro che dovranno essere eseguiti dalla Soprintendenza ai Beni Ambientali ed Architettonici della Basilicata. La chiesa presenta sul portale un bassorilievo in pietra raffigurante 5. Nicola (del XVII sec.) ed all'interno un dipinto su tela di autore ignoto raffigurante S. Gioacchino con S. Anna e la Madonna con S. Giuseppe, ed una statua lignea di S. Nicolò vescovo (XVII sec.).

Chiesa di S. Antonio
L'edificazione della chiesa di S. Antonio, con molta probabilità avvenuta tra la fine del XVI e l'inizio del XVII sec., è legata alla vicenda di Ascanio Cataldi, principe di Brindisi. Una storia, sospesa fra verità e leggenda, racconta che il Cataldi abbia fatto erigere la chiesa nel 1600 mantenendo una promessa fatta allor quando, rapitogli il figlio, in cambio del ritrovamento, ovunque questo fosse avvenuto, egli promise la costruzione di un tempio cristiano. Il figlio, dunque, sarebbe stato ritrovato a Guardia. All'interno della chiesa una lapide recita: "Qui giace Ascanio, della illustre famiglia Cataldi che le opere gloriose fecero cittadino di Guardia, ti generò e crebbe la terra di Brindisi, questa ora tiene anche la tomba di te principe, fosti fino alla tarda età precettore di grande fedeltà. La moglie Lucrezia questo ti ha dedicato. Ora ricevi i grandi onori di Dio". Sulla tomba un bassorilievo effigia il principe. All'interno della chiesa vi sono: le tele dell'Annunciazione di Biagio Guarnacci del 1751 e dell'immacolata del 1857 (anno del terribile terremoto) di autore ignoto; due sculture lignee raffiguranti S. Antonio e l'Addolorata, del XVIII sec.; due leoni erratici del XVI sec.

 

 

 

Manifestazioni ed eventi:

1° domenica di maggio

Festa in onore della Madonna del Sauro

9 maggio

Festa patronale in onore di San Nicolò Magno

2° domenica di agosto

Festa in onore della Madonna del Sauro

 

 
 Fiere e Mercati

Fiere

2 maggio  /  15 e 16 settembre  /  28 dicembre

Mercati

2° e 4° lunedì del mese


Altri Eventi (segnalati)

 


 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivici ]