Miglionico

.

Foto degli Utenti

Foto del Sito

i Monumenti

.
 

Hanno Scritto B a c h e c a Inserisci Foto
gli Artisti Commenti Foto Oasi di S. Giuliano

Comune di Miglionico

 

Comune (MT)
E Abitanti  2.718
Altitudine 466 mt.
Superficie 88,93 Kmq
* C.A.P. 75010

 

Municipio 0835.559005
Guardia Medica 0835.551870
Carabinieri 0835.559010


MIGLIONICO

L’abitato sorride su una collina col territorio bagnato a sud dal Basento e a nord dal Bradano.

Le sue origini sono antichissime. Secondo alcuni studiosi, sarebbe esistito fin dall’epoca ellenica e pare fondato da Milone nel VI secolo a.C. La scoperta di sarcofaghi dell’epoca ne sarebbe una conferma.
Il medioevo lo vede asserragliato nella cinta di mura che i normanni avevano innalzato nella seconda metà dell'XI. Sono i Sanseverino a edificare il nuovo Castello, un fortilizio esisteva già in età longobarda, e sono loro ad ampliare la cinta muraria, che nello scorcio del XX secolo è stata in gran parte distrutta o inglobata nelle nuove costruzioni. A fine '300 inizi '400 risale l'edificazione della chiesa Madre, ai secoli XVI-XVII i palazzi signorili del centro storico. La coltivazione di fichi, per cui l'abitato è famoso, è legata a una sagra che si tiene la seconda domenica di settembre per la festa della Madonna della Particella.

 

da vedere:

Castello del Malconsiglio il cui nome deriva dalla famosa congiura dei Baroni del 1481 contro Ferdinando I d'Aragona, conclusasi con la sanguinosa strage degli stessi baroni nella grande sala al primo piano. Le diverse epoche di costruzione sono denunciate dalla sovrapposizione di stili, dai rifacimenti e dalle aggiunte. Anche se esisteva una fortificazione nell'alto medioevo, si può attribuire ai Sanseverino l'inizio della costruzione del castello. Il loggiato fu aggiunto dai Revertera nel '600, nel quadro della trasformazione del maniera in residenza baronale.

Chiesa Madre dedicata a S. Maria Maggiore, opera di Nicola da Melissano, con fastoso portale gotico, campanile romanico, secondo portale e presbiterio rinascimentale. La chiesa conserva il meraviglioso polittico di Cima da Conegliano, del 1499. Il nucleo principale risale a fine XlV inizio XV secolo. Tale porta presenta un ricco apparato decorativo. Il campanile, datata 1533, presso il secondo ordine conserva un bassordievo con i SS. Pietro e Paolo e l'Eterno Padre, mentre il marcapiano tra seconda e terzo ordine è decorato con protomi umane e animali. All'apice del timpano della facciata, Madonna con Bambino del XVI secolo. L'ampio interna a tre navate ha subita molte ristrutturaziani.

Ex Convento dei Padri Riformati, dedicata al SS. Crocifisso, ha un campanile con bifore del XIV secolo.
Nella cantona è conservato un dipinto del 1618, raffigurante San Francesco ed altri santi, del pittore lucano Gerolamo Todisco.

Chiesetta dedicata da Ettore Fieramosca alla Madonna delle Grazie, con notevoli affreschi ed una statua, raffigurante la Madonna col Bambino, del secolo XII.

Chiesa del Monte dei Morti con una tela della scuola di Luca Giordano.

 

 

 

Manifestazioni ed eventi:

3  maggio

Festa in onore del SS. Crocifisso

29 giugno

Festa patronale in onore di S. Pietro e S. Antonio da Padova

2° domenica di settembre

Festa della Porticella (C.da Porticella)
(festa istituita da Ettore Fieramosca)

2° settimana di ottobre

Festa in onore del Santi Medici

 

 
Fiere e Mercati

Mercato delle merci

1° e 3° martedì del mese

Fiera

23 agosto e 9 ottobre


Altri Eventi (segnalati)

 


 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivici ]