Nova Siri (MT)
(antica Bollita)
 

.

Foto degli Utenti

Foto del Sito

i Monumenti

.
 

Hanno Scritto B a c h e c a Inserisci Foto
gli Artisti Commenti Foto Massiccio del Pollino

Comune di Nova Siri

 

Comune (MT)
Abitanti  5.922
Altitudine 313 mt.
Superficie 52,11 Kmq
* C.A.P. 75020

 

  Municipio 0835.876211
  Delegazione Nova Siri scalo 0835.877062
  Guardia Medica 0835.505544
  Biblioteca Comunale 0835.877283
  Carabinieri 0835.877377


NOVA SIRI è distinto in due agglomerati: il “Centro” situato su di una collina in posizione panoramica, che testimonia l’origine antica del paese e la “Marina” distante circa dieci km, concentrata nella fertile pianura in una zona ricca di attività produttive in fase di evoluzione. Il nome più antico che abbia avuto NOVA SIRI è BOLETO dal greco “Boletos” che significa “decisione presa”. In seguito il nome cambiò in CASTRUM BOLETUM, quando sul territorio si stanziarono alcune legioni romane, che eressero su una roccia (“armo”) in posizione strategica e inaccessibile un accampamento militare. Dopo si chiamò VELETA e successivamente BELITA. Con l’occupazione borbonica mutò il nome in BOLLITA, derivato o dal latino “Boletus” che significa “fungo” o dal “bollore sorgivo delle acque sulfuree” che sgorgano ai piedi del paese. Per altri studiosi, come lo storico Racioppi, il significato deriva da “terreno incolto” o “brughiera”. Con Regio Decreto del 6 marzo 1872 di Vittorio Emanuele II, il nome BOLLITA, venne sostituito con l’attuale NOVA SIRI su richiesta del consiglio comunale per ricordare le sue origini come territorio appartenuto, ai tempi della Magna Grecia, alla regione Siritide di cui Siri fu l’antica capitale. Il territorio fu dominio dei normanni a cui successe la dinastia sveva che fu soppiantata da quella angioina. In seguito il centro fu donato dal principe Carlo d’Angiò al suo parente ed assistente Giovanni Monfort e nel 1319 si ha notizia che appartenne a Filippo di Sangineto. BOLLITA nel 1408 divenne baronia di Pietro Acciapaccia e nel 1447 fu dominio di Filippo Sanseverino a cui successe Agostino Montenegro. Nel 1505 fu feudo di Pedro Sandoval de Castro a cui successe, nel 1520, ancora minorenne, il figlio Diego che ebbe come tutrice Caterina Saracina fino al 1534. Diego Sandoval de Castro è noto per aver indirizzato numerose lettere e versi alla poetessa Isabella Morra figlia di Gian Michele Morra feudatario di Favale (l’attuale Valsinni) con la quale sembra aver avuto anche una relazione sentimentale motivo che portò all’uccisione della poetessa da parte dei fratelli. BOLLITA dopo essere stata a lungo sotto il dominio dei de Castro, passò al barone Francesco Antonio Asprella di Montalbano a cui successe la figlia Lavinia che nel 1596 vendette il feudo ad Alessandro Raimondi di Savona. Dopo i Raimondi, la terra di BOLLITA passò a Pietro Reviglione ed infine nel 1717 ad Alfonso Crivelli a cui successe il figlio Francesco fino all’abolizione della feudalità. Dopo l’Unità d’Italia, il paese fu sconvolto dalle bande dei briganti che terrorizzavano la popolazione e rimase quasi deserto durante la I Guerra Mondiale; vi erano infatti solo donne, bambini e vecchi che a stento riuscivano ad occuparsi dei lavori agricoli. Un’altra piaga fu l’epidemia della “spagnola”, malattia infettiva, che provocò numerose vittime. Nel centro storico si può ammirare il Castello, situato nel punto più alto del paese; si tratta più che di un castello di un palazzone a pianta quasi triangolare, con un atrio a cui si accede attraverso un portale sormontato da feritoie, attualmente è adibito ad abitazioni private. Tipici sono i vicoli del rione “porticella” caratterizzati dalle “lamie” archi intrecciati con volta a crociera. Interessante è la chiesa madre dedicata a Santa Maria Assunta, costruita con le pie elargizioni dei fedeli, in gran parte proprietari terrieri. Ha una facciata in stile barocco con campanile rifatto nel 1866 in seguito al crollo avvenuto durante il terremoto del 1857. Nell’interno a tre navate con altare maggiore in marmi policromi sono conservati un coro ligneo del 1753 opera di falegnami lagonegresi, alcuni dipinti tra cui quelli della Madonna del Rosario del 1788 e dell’Assunta, le statue settecentesche della Madonna del Carmine, di San Giuseppe e Sant’Antonio. Nelle vicinanze della chiesa madre è situata anche la cappella dell’Annunziata, che chiusa per alcuni anni è stata riaperta recentemente. La Madonna dell’Annunziata è detta anche “ Madonna degli Infermi” da quando nell’estate del 1837 la Madonna intercedette con un suo miracolo per fermare il colera che infuriava nel paese. A circa un km dal centro sorge la Cappella della Sulla, meta ogni anno di numerosi fedeli. In contrada Sant’Alessio si trovano due vasche di origine romana in cui l’acqua che sgorga è in continua ebollizione a causa della sua natura sulfurea. In prossimità del lungomare si trova la Torre Bollita, costruita per volere del vice re di Napoli Pietro di Toledo nel 1520, detta anche torre “cavallara” in quanto ospitava le guardie regie a cavallo che, all’avvistamento delle navi dei pirati turchi, correvano ad avvisare i contadini nelle campagne. Esistenti sono ancora i ruderi della Villa Imperiale del “Cigno dei Vagni”, la più antica costruzione edificata sul territorio. A MARINA di NOVA SIRI interessanti sono: la chiesa di Sant’Antonio da Padova costruita nel 1953, la piccola cappella privata situata in prossimità dello scalo ferroviario e la cappella privata della Madonna della “Taverna” situata in una azienda agricola nel cui interno è conservata la statua della Madonna in cartapesta del XVII sec.. MARINA di NOVA SIRI è un centro balneare in fase di evoluzione dotato di spiagge larghe e sabbiose con un mare limpido; il lungomare è costeggiato da pinete attrezzate per il ristoro e di un lungo viale percorribile a piedi e in bicicletta. NOVA SIRI circondato da boschi attrezzati di aree ricreative, nel periodo estivo diventa anche meta di turisti amanti del verde. NOVA SIRI è noto anche per essere stato paese d’origine di Luigi Settembrino, letterato e patriota, di cui è ancora esistente il suo palazzo. Sul territorio, particolarmente fertile, sono molto diffuse le attività agricole, in particolare frutteti, uliveti ed ortaggi.

da: A.P.T. Basilicata     

 

 

da Visitare:
Centro Storico ( la Porticella ) / Chiesa Madre / Cappella della Madonna della Sulla / Palazzo Settembrini / Vasche di Sant'Alessio / Villa Imperiale / Lungomare

 

 

 

Manifestazioni ed eventi:

19 marzo

Festività in onore di San Giuseppe (Patrono)

2° domenica di maggio Festività in onore della Madonna della Sulla
13 giugno Festività in onore di Sant'Antonio
16 luglio Festività in onore della Madonna del Carmine
   
Mercati il 10 del mese in paese, il 19 del mese in marina
Fiere il 21 agosto in paese, il 21 aprile in marina


Altri Eventi (segnalati)

 


 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivici ]