Romagnano al Monte (SA)
Centro Storico

Home

Panorami

la città

la chiesa

il frantoio

panorami 2

Romagnano 1986

slideshow

stop

ingrand.

 

   Cliccare sull'immagine per ingrandirla e leggere la descrizione.

 
 

Hanno Scritto

B a c h e c a Craco vecchio
(paese abbandonato)

gli Artisti

Commenti Foto

Comune di Romagnano (SA)

 

Comune (SA)
E Abitanti  393
* C.A.P. 84020


ROMAGNANO AL MONTE (centro storico)

Il centro storico si presenta arroccato su un crinale a picco sulle gole del fiume Platano che in quel tratto segna il confine tra la Campania e la Basilicata. Il suo toponimo indica evidenti origini latine. In epoca classica il suo territorio ricadeva sotto la giurisdizione dell'antica Volcei, cioè dell'attuale Buccino. Di tale periodo non restano che le affioranti tracce di un pavimento in opus signinum, nei pressi di una villa, in località San Pietro.

In epoca longobarda, un nucleo più consistente di abitanti venne ad insediarsi laddove oggi sorge il vecchio centro storico. Sul volgere del primo millennio fu costruito in quel posto un castello e, poco distante, verso est, la prima Chiesa Parrocchiale Madonna del Parto. I ruderi di questi due monumenti sono ancora visibili.

Le prime notizie scritte compaiono in un registro databile 1167. Dopo diverse signorie Romagnano fu feudo di Pietro d'Alagno, nel 1505 di Rainiero d'Alagno, della famiglia d'Alagno di Amalfi feudataria in Napoli ai tempi di Carlo I d'Angiò. Successivamente, nell'anno 1625, Isabella Ligni o Alagna fece elevare il feudo alla dignità di Marchesato. L'epigono di questa famiglia: il Marchese Pietro d'Alagno 1632 (De Lagni) vendette il feudo per dotare i figli nati da una donna che non sposò, perché non di famiglia nobile. A partire dalla metà del'700, quando subentrarono i Baroni Torella di Buccino, il feudo ritornò al rango di baronia e ciò fino all'eversione delle feudalità. Nel primo decennio del XIX secolo scoppiò una sanguinosa lotta tra il feudatario e i briganti, che trucidarono i due figli del barone: Paolo e Ottavio Torella. L'autore dell'efferato crimine, il brigante Antonio Di Leo, il primo marzo del 1810 fu impiccato e dopo morto gli fu tagliata la testa, che restò per diverso tempo esposta nella piazza del paese. Nell'ultimo secolo, personaggio di grande rilievo è stato l'Arciprete Mons. Tommaso Alessio che divenne pro-vicario del Cardinale Ascalesi di Napoli.

 

Il paese attuale sorge in località Ariola a 650 m s.l.m. lungo un crinale collinare delimitato a ovest dal comune di Buccino, a nord da Ricigliano, a est dal vallone del torrente Platano che segna il confine con la Basilicata e a sud dal fiume Bianco. Il territorio comunale ha una superficie di 9 km².

 

http://it.wikipedia.org/wiki/Romagnano_al_Monte


 

 

Manifestazioni ed eventi:
 

 


 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivici ]

.agg. al 25/09/2010