Terranova di Pollino

.

Foto degli Utenti

Foto del Sito

i Monumenti

Inserisci Foto
.
 

Hanno Scritto B a c h e c a Il Pollino
gli Artisti Commenti Foto Lago di Montecotugno

Comune di Terranova di Pollino

 

Comune (PZ)
E Abitanti  1.770
Altitudine 920 mt.
Superficie 112,30 Kmq
* C.A.P. 85030

 

  Municipio 0973.93009
  Guardia Medica 0973.93155
  Pro-Loco 0973.93489
  Carabinieri 0973.93001


TERRANOVA DEL POLLINO

 

STEMMA

"Monte Pollino e su di esso il sole. Monte color terra, sole oro, fondo color cielo chiaro". ".( michele lacava).

 

NOME

"Il monte Pollino vollero detto da un immaginario Fanum Apollinis (tempio di Apollo)...ma io vi veggo non più che un Mons pullinus, cioè "dei polledri". (Giacomo Racioppi). Terranova è dal Latino Terra nova= Nuova Terra ( ovvero "Terranovella di Noia").

 

PROFILO STORICO

"Terranova, in provincia di Basilicata, compresa nella diocesi di Anglona e Tursi, distante da Matera miglia 48, e dal mare 20. Vedesi

edificata sul famoso monte Pollino, ove molto si fa sentire il freddo. E’ di fresca fondazione sul territorio di Noia onde vien denominata ancora Terranovella di Noia. La più antica numerazione è quella del 1595, che fu tassata per fuochi 25. Nel 1648 fu poi tassata per fuochi 88, e nel 1669 per 117. In oggi gli abitanti ascendono a circa 1070 addetti all’agricoltura". (lorenzo giustiniani-1797)

 

"La derivazione del nome di esso Pollino cercasi da alcuni scrittori in "Mons Apollinis", ed Apollo Phoebus darebbe altresì ragione del sole sopraddetto (n.d.r. nello stemma); ma il Racioppi la vuole esclusivamente da "Mons pollinus", cioè "dei polledri" a pascolo dei quali, quantunque ora sostituiti da Mandrie di vacche, era destinato l'ampio piano sottostante alla maggiore vetta del Dolcedorme. La Terra però va detta "nova" perchè di fresca fondazione, forse non oltre il sec. XVI, e sorgendo sul territorio di Noia trovasi pur nomata "Terranovella di Noia" con cui ebbe comuni Feudatari. Onde si sbaglia probabilmente il Pani-Rossi nell'attribuire questa Terra ad uno dei Sanseverini, che andarono a presentarsi in parata a Luigi d'Angiò contro Ladislao <con 1700 cavalli tutti bene in arnese> giusta il Giannone, giacchè lì s'intende piuttosto Terranova in Calabria.

Circoscr. Civ. Ed Eccl. - Al presente conta 2451 abitanti ed appartiene al Mandamento di Noepoli, Circondario di Lagonegro e Diocesi di Anglona e Tursi; ha Chiesa Parrocchiale sotto la cura di un Arciprete con alcune cappelle e confraternite indi opere pie riunite ed istituto di prestiti e risparmi; ed avea altresì un Convento di Minori Osservanti che contava soli 2 padri e 2 laici all'epoca della soppressione.

Cose notevoli - Degne dei naturalisti son le erbe medicinali del Pollino, com'anche i suoi minerali, tra cui a dire del Venusio "quasi tutte le sorte dei marmi, anco il verde antico, rustici però e non di quella perfezione e finezza che sono i forestieri". (giuseppe  gattini-1910).

 

SITUAZIONE ATTUALE

"Nel cuore del Parco Nazionale del Pollino, alle pendici del monte Calvario, incastonato in una delle aree più suggestive dei Parco, ove la bellezza paesaggistica è selvaggia e la flora e la fauna sono varie e ricche, sorge Terranova di Pollino, un paese situato a 926 mt. di altitudine, che conta 1800 abitanti. Terranova è la porta naturale di accesso al Parco, situata all'ingresso della "Grande Porta del Pollino", già meta nel Settecento di viaggiatori stranieri. Tale antica vocazione è dovuta alla sua favorevole posizione, che ne fa la meta preferita dei turisti e il campo-base per itinerari naturalistici ed escursioni nei boschi del Parco. Sono a disposizione del visitatore guide per effettuare affascinanti escursioni, attraverso cui è possibile visitare le cime dei monti che superano i 2000 metri, le rocce vulcaniche di antichi fondali oceanici. E' possibile, altresì, avventurarsi in canyons naturali scavati nella roccia.

Terranova, per queste grandi peculiarità, ha puntato e si sta attivando per sfruttare questa unica e grande risorsa: il turismo.

Ne sono testimonianza le numerose strutture ricettive distribuite nel centro e a "Casa del Conte", tutte accoglienti, che consentono soggiorni indimenticabili a contatto con la natura. Inoltre l'Amministrazione comunale ha rivolto e rivolge la sua ATTENZIONE alla viabilità in generale, all'azione continua di abbellimento del paese e del territorio e alla promozione di idee progettuali che valorizzino peculiarità e specificità locali, come la produzione di strumenti popolari tradizionali della zona del Parco (zampogne, "surdulline", ciaramelle)".

 

 

(Ricerche storiche, monumentali ed antropologiche di Vincenzo Falasca, Presidente I.R.S.A.B.

<Istituto Ricerche Storiche Archeologiche Basilicata>

sede: 85050 Grumento Nova (Potenza), via Maiorino 117/bis.

Copyright riservato. E-mail: [email protected]

 

 

 

Manifestazioni ed eventi:

13 giugno

Festa in onore di Sant'Antonio.
In occasione della festa, a margine della manifestazione religiosa, viene allestito l'albero della cuccagna, al quale vengono appesi premi quali prosciutti, salami, formaggi, agnelli e capretti. Il rituale ha inizio il giorno precedente con il taglio dell'abete in montagna ed il trasporto in paese con i buoi.

15 / 16 luglio

Festa in onore della Beata Vergine del Carmelo

16 / 17 agosto

Festa in onore di San Rocco e San Donato

12 settembre

Festa in onore del Santissimo Nome di Maria

2° domenica di settembre

Fesa in onore della Madonna della Pietà.
Il rito religioso culmina nel trasferimento della statua della Madonna dal Santuario al paese. Alla processione partecipano donne con la tradizionale offerta dei cirii, tronetti in legno rivestiti di ceri e spighe di grano.

 

 
 Fiere e Mercati

Fiere:

12 settembre

Mercati:

sabato e ultimo sabato del mese
15
di ogni mese


Altri Eventi (segnalati)

 


 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivici ]