Artisti in Lucania

Castelsaraceno

 

Home - Vincenzo Capodiferro


Vincenzo Capodiferro


     
Visita guidata

 

POESIE

Notturno

Lucania

A Carmine Crocco

Pisticci

Al monte della Nuova Elea

Pensiero

Storia di Domenico Groppa

HO LASCIATO

Inutilità della poesia

Città

10 Agosto

Marzeggiare

Cammino interrotto

Davanti un lume

D'amor non sento (I)

D'amor non sento (II)

Generosità di una fontana

Le querce di Mamre

Naufragio

Autunno

Fiume

Passi vani

Poetare

2 Novembre

Luna piena

A' più cari ed amorevoli amici

Sonno

Andai nei boschi

Alla Scala di Noci

Planula

Casa natia

Che avete uccelli

Noia

Alle selci odorate

Si dorme

Esistenza

Tempo

Terremoto

Inondazioni

Nostalgia

Guerra

Attimo

Venerdì Santo

La razione di San Rocco

La razione di Santa Barbara

La razione di Santa Lucrezia

Presso un filo d'erba

Errando

Fiumi montani

Il mito di Venere

Solo tu

Campagna

Verso sera

Luce morta

Ragnatela spezzata

Una veste

Voce fiumale

Ombra

Ad una conchiglia

25 aprile

Preghiera del paradiso

Assurdo

Suona una zampogna

Colori profani

Rabbia

Attendo

Al fiume Sauro

Meditazione sotto un faggio

Nottata boriosa

Alla grotta del diavolo

Mancanza di Riccia

Un abisso

Rus pagana

La botte

Gioco fu guerra

Il re dei re

Transumare

Pane quotidiano

La Neviera

Arrestando

Ad una quercia

I fuochi di San Giuseppe

Tempi tristi torneranno

Lo sterminatore

Hai rivisto

Amico d'infanzia

Si spezza sempre il marmo

Amico, tu attendi

In questa città di ricordi

Ti ha raggiunto

Le zolle dei prodi

Partisti

In questa chiesa

Peppino e Adriana

Nonna Maria

Nisba

Sui massi

In questa piana

Nessuno è rimasto

Don Vincenzo entrava

Col bastone passava

Di questi epigrammi

Basilio

Ultimo tramonto

In bosco oscuro

Poeta

O rocce antiche

Sul poggio di Anglona

Torre eburnea

Da Laurenzana

Le farse

Il tuo campo vuoto

Sul lago di Varese

Al Sacro Monte

La terra ove ho piantato

A Siria

Emigrazione

Villa Recalcati

Oltre quel muro

Zia Maria

Fili lucenti

Giganti ombre

Indicibile strazio

Agro tedio

Non ho dimenticato

Piccola carezza

Perchè non lasci

Ecco le ossa

Mille giorni

Sul filare

Nella piccola stanza

Sorge dentro il misero

La vita non è

La tempesta

Pallidamente perduta

Camminando

Desir compiuto

Di quelle afflitte spose

Dio ti salvi, o Regina

Alle ninfe di Raparo

Dei ruderi arcani un pianto

Quanto d'amor

Chi sei tu?

Che divenir sarà?

Buie notti

Fioriscono i giardini di Poznan

Mugghia nel fuoco

Io mi impegolo

Vincitore me vinse

Questa vita

Laddove Amore cinse

Triviale prosa

Ho pagato

Ritratto improvvisato

E pettino gli olivi

Per un'amica fiore

Onnicapiente nulla

Alla Badia di S. Angelo

La leggenda di mamma Lucia

A Castello c'è un gran santo

Ninna nanna

Sono qui

Al cielo stanno

Pallida pietra

Vergini rocce

Ora tu luce

A Madame Ila di Wallonfort

Vecchi pirati

Fra cinquant'anni

Corre il vento

Un torrione

Già l'ombra

Sotto le travi

Sento

Io starò

Pino loricato

Ora a voi

Non avremo

Qualcuno si assiepa

Volto di sera

Un unguento

Scendono le montagne

I fanciulli

O rosso mondo

Vortice

Cogito ergo est

Questi fiori

Tutto è notte

Fugit hora

Non ci è dato

Se fossi

Mi sorseggia

Brucia

I moscerini

Città di formiche

Se non vi fosse

Dio di ebrezza

Da questi palagi

Esci da terra

Corvo

Tuona

Sul monte Avic

Carmi

Camminavo

T'ho guardata

Ora

Miravo

Ti prego!

O stormi di cipressi

Rimembro

Spirito pazzo

Ora fugge

Chi è colei

La colomba

Da Babilonia

Dov'è

O Venezia, Repubblica antica

Dopo un anno che è passato

Sancto Spiritui

Matri Dei

A Don Salvatore Vigilante

Per Elisa

Ad Alessio Capodiferro

I sette angeli ribelli

Spiritui Malo

O persa Grecia

A nonno Corsio

Deo Patri Domino meo

A Massimo il veggente

A San Rocco

All'ultima dei Sanseverino

In morte di un amico giovane

Autoritratto

Per Antonio

O Spirto glorioso

Che guardando vai?

Solitudine tra i campi

Scorrer d'inerti giorni (I)

Scorrer d'inerti giorni (II)

A Maria Gonzales de la Contessa

Sfilavano muti

Silenzio rimbomba

Ave Maria

Rosario

O Talia

Al Genio

Quando il vento

Ritorna la camena

Consolazione di Filosofia

Allora il Nulla c'è

Svelati fanciullo

Peccar vorrei

A Donna Enrichetta

O deserti tratturi

O mio Odino

I fili non sono sconnessi

Ricordi di pietre sgretolate

Passioni popolari

A Lachesi

Ed ora ti siedi accanto

Un'esplosione lucente

Al Monte Verità

In casa

Una rivolta

Francavilla

Ninco Nanco perchè sei morto?

A Rudiger Ulrich Heinz (1934-1970)

A Pomine (27 gennaio 1935)

Lo spigolo di Corrado

Raparo tu ricordi

Quando ti vedo

Luigi Pittella

Se quest'alma

Questo triangolo

Madonna mia che smania

All'Uno

Cerco il nulla

Il treno dei desideri

I fiori

Frate Pasquale

Ti ho rubato

Una prece

Un allegro incanto

Valpelline

Ti vedo

Piccola mia

Santa Lucia

Il Monticello

Vecchio sobborgo

Fermati Odino

Mi han fatto perdere

Dolce cianciare

Ora risuonano

Il cupi cupi

A te che ispiri i poeti

Siamo nella tua terra

In questi versi

Orsoleo

Arenati

Muscetto

I Cerauni

L'amata mia

Dove ti trovo

Tra montagnose rocce

Ora in questo deserto

Deposte l'armi

Spiro

Crenna

Una madre

Don Rocco

Tornatore

In ogni casa (I)

In ogni casa (II)

In ogni casa (III)

Fiammelle

I cani pastori

Rosa di Lampone

Bella figlia

Feronia

Governasti

Deserto

Pastore eterno

Il prete Giovanni

Sciarra Colonna

La Cerasia

Valle Lunga

Acqua Russo

Occhio ho ceduto

Pellegrini

Siamo stati ai monti

Antonio

Mi voto

Qual portamento

Alle macchie

Angeli

Fantasma

Tressette

Sassi

Era una bella serata

Una paterna voce

Alianello

I monacelli

Tanto facesti

Le tue grida

Solo a te

Ora scende

Non andate

Questo mi sazia

Ai briganti

Omaggio a Sinisgalli

Le pietre

San Michele

Senise

E si affaccia alla finestra

Ora mi guarda

Alle grotte

Raduno estivo

Alle fonti

A Pietrapertosa

Città antica

Solo tu

Qui precipitò

Ve ne andate tutti

Chi ti trovò

In questo castello

Quel paese

Tu fosti

Al maglio

Ora mi fermo

Sullo sperone

Perchè sei arsa?

Città di Utopia

Ti scorgo

Il gelso

Il brodo

Tra queste croci

Canto di luce I

Canto di luce II

Canto di luce III

Canto di luce IV

Canto di luce V

Quanto era bello

Penelope

Il più grande

Nonno Vito

Don Peppo

Zi Francesca

L'esperimento

Il cane di Leonardo

Nei boschi

Il professore

Il Romano

Il tenente

Nunc pulsanda tellus

Nunc est bibendum

La via della seta

La visione

Il banchetto



ordine alfabetico Testi

 

 

 

 

[ Home ]

[ Scrivimi ]


riservato