Venosa

.

Foto degli Utenti

Foto del Sito

i Monumenti

.
 

Hanno Scritto B a c h e c a Inserisci Foto
gli Artisti Commenti Foto laghi di Monticchio

Comune di Venosa

 

Comune (PZ)
E Abitanti  12.219
Altitudine 415 mt.
Superficie 169,34 Kmq
* C.A.P. 85029

 

  Municipio 0972.308611
  Guardia Medica 0972.39111
  Museo Archeologico Nazionale 0972.32956
  Collezione Briscese 0972.32095
  Biblioteca Comunale 0972.35280
  Biblioteca Vescovile 0972.31020
  Pro-Loco 0972.31903
  Carabinieri 0972.31143


VENOSA

La città, adagiata su un pianoro a circa 400 metri sul livello del mare, alle cui falde scorrono il torrente Rendina ed il Lampeggiano o Fiumara di Venosa (forse il “pauper aquae Daunus” di Orazio) si trova ai confini con la Puglia. E’ certamente la città più antica della Basilicata come testimoniano numerose armi e suppellettili preistoriche rinvenute nei dintorni e conservati nel “Museo Lapidarium”.

Si vuole addirittura fondata da popolazioni provenienti dalla Tracia, condotte da Diomede, dopo la guerra di Troia. “Venusia” era certamente città popolosa quando, nel 291 a.C., venne conquistata dal console romano Lucio Postumio. La maggior parte degli abitanti furono passati a fu di spada e rimpiazzati con la colonia romana.

Nella guerra contro Cartagine il console Terenzio Varrone, sconfitto da Annibale a Canne nel 538, si rifugiò con 700 cavalli a Venosa ma in pochi giorni riuscì a raccogliere un corpo di 4 mila uomini. Il console Claudio Marcello dimorò a Venosa e fu sconfitto da Annibale presso Banzi e ucciso. I suoi resti furono sepolti a Venosa.

Sempre da Venosa il console Nerone, con un esercito di 40.000 uomini, a marcie forzate, raggiunse le rive del Metauro ove sconfisse Asdrubale, fratello di Annibale. L’antica “Venusia” continuò ad essere importante anche perché posta sulla via Appia, tappa obbligata nel viaggio da Roma a Brindisi. Pare che lo stesso Cicerone avesse qui una sua villa. A Venosa nacque, nel 65 a.C., da un esattore, Quinto Orazio Flacco, il più grande poeta della latinità. Le opere del grande poeta abbondano di allusioni alle vicinanze della sua città natale (la “fons Bandusiae”, le selve del monte “Vulture” ecc.).

Nell’851 fu conquistata e quasi distrutta dai Saraceni.

Ruggero il Normanno, nel 1133, la conquistò devastandola.

Carlo I d’Angiò vi costruì il primo ospedale conosciuto per i soldati invalidi. Successivamente Venosa fu feudo dei Sanseverino, degli Orsini, dei del Balzo che, nel 1470, vi fecero innalzare il maestoso castello. Infine il feudo pervenne ai Gesualdo. Oggi la città si è enormemente sviluppata, specie nella zona alta, con moderni edifici.

 

 

Repertorio artistico-turistico

 

Abbazia della SS. Trinità, uno dei monumenti più interessanti dell’Italia Meridionale, con connesso un monastero che conserva la cupola bizantineggiante, finestre bifore e trifore. Nell’interno dell’antica chiesa affreschi di varie epoche e nell’interno della chiesa sveva, incompiuta, colonne corinzie e ricca esposizione di reperti archeologici.

 

Insula Horatii, tepidarium, a forma circolare, della presunta casa di Orazio. — Resti dell’anfiteatro romano, di epoca imperiale, avanzi di terme romane con bei mosaici e di un battistero paleo-cristiano.

 

Ruderi della tomba di Marcello, console romano detto la Spada di Roma.

 

Lapidarium Venusinum con vasto materiale scultoreo ed epigrafico.

 

Catacombe ebraiche e paleocristiane del III-IV secolo dopo Cristo.

 

Ex collezione Briscese con armi e suppellettili paletnologiche e paleontologiche ed interessante raccolta numismatica antica.

 

Castello aragonese del 1470, costruito da Pirro del Balzo, su modello del marchio angioino di Napoli, con armonioso loggiato del primo rinascimento.

 

Cattedrale di Sant’Andrea del quattrocento di stile tardo gotico con portale del 1512 del maestro Cola di Conga. Nell’interno affreschi a soggetti biblici, una tela del Maratta ed una cappella con stupendo arco d’ingresso foggiato con arte squisita nel 1520. La cattedrale è fiancheggiata da un maestoso campanile del 1589.

 

Chiesa di San Biagio con una facciata che rappresenta un vero piccolo gioiello di ispirazione classica ed una Pietà in pietra del secolo XV.

 

Chiesa del Purgatorio o di San Filippo Neri con un polittico del 600, raffigurante la creazione del mondo, di autore ignoto, tele di Carlo Maratta del secolo XVIII.

 

Chiesa di San Martino con una rara tavola bizantina, raffiguranti la Madonna, del secolo XIII.

 

Pinacoteca Comunale.

 

Nei dintorni: insediamento paleolitico di Loreto.

 

 

da: "Guida Basilicata" di P. Tucciariello
pubblicazione autorizzata

 

 

 

Manifestazioni ed eventi:

I° domenica
di maggio

Festa in onore della Madonna delle Grazie

13 giugno

Festa in onore di Sant'Antonio

16 agosto

Festa patronale in onore di San Rocco

 

Fiere e Mercati:
 

fiere

4 giugno  /  16 agosto  /  25 settembre


Altri Eventi (segnalati)

 


 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivici ]