Viggiano

.

Foto degli Utenti

Foto del Sito

il Santuario della
Madonna Nera

Inserisci Foto
.
 

Hanno Scritto B a c h e c a le Feste Filmati di Viggiano
gli Artisti Commenti Foto i Monumenti Montagna di Viggiano e Volturino

Comune di Viggiano

 

Comune (PZ)
Abitanti  3.148
Altitudine 1023 mt.
Superficie 89,03 Kmq
C.A.P. 85059

 

  Municipio 0971.961142
  Guardia Medica 0971.961229
  Biblioteca Comunale 0971.961142
  Carabinieri 0971.961141


VIGGIANO

Posizione geografica.

E’ situato a mt.1023 s.l.m. e si sviluppa lungo la costa del monte Sant'Enoc.

Il suo territorio ha una superficie di 89.03 kmq. Confina a Nord con Calvello e Laurenzana, a ovest con Marsicovetere, a sud con Grumento Nova, a sud-est con Montemurro e ad est con Corleto Perticara.
L'agglomerato urbano è dislocato sulle cime Calvario e Castello e monte Enoc.

 

Etimologia del nome.

Deriverebbe per il Racioppi da Vibianum dal gentilizio Vibius (patrizio romano). La –b si è trasformata in –g come Fobea in Foggia. Però il nome gentilizio potrebbe essere anche Vettius o Vectius. Nei documenti medievali riscontriamo anche i nomi di Byanum, Burganum e Byzanum.

 

Dati demografici.

Il più antico (Cedolario 1277): fuochi 205 (ab. 1230)

Il più recente (ISTAT 1996): ab. 3.165

 

Cenni Storici.

In località Serrone è stata rinvenuta una necropoli del periodo ellenistico. In epoca romana anche il territorio di Viggiano, come gran parte della Val d’Agri. vide l’insediamento di villae rusticae sparse un po’ dovunque e di impianti produttivi, quali fornaci e mulini, come è dimostrato dai ritrovamenti in località Lagaridda, Maglianese e S. Giovanni.

Quando Grumentum fu distrutta dai Saraceni, una parte dei profughi fondò, in sito più alto, il pagus di Byanum.

Prima di tale evento però, in epoca longobarda e bizantina, Viggiano vide l’insediamento di due Comunità monastiche di rito greco: una in località S. Barbara, sul torrente Casale, che fondò il monastero di S. Maria La Preta e l’altra in località Cirillo ove eresse il Theotokòs di Atzopan.

Con i Normanni, il borgo di Viggiano venne in possesso di Guglielmo de Tiville e successivamente nel 1167 di Berengario de Giso, già Signore di Sarconi e Perticara.

In epoca sveva era incluso nel Giustizierato di Basilicata e nel 1239 Fedrico II affidò a Berengario de Bizano la custodia di prigionieri lombardi.

Sotto gli Angioini Carlo I concesse nel 1268 il Feudo di Viggiano a Roberto l’Enfant.

Nel 1277 Viggiano fu devoluto alla Regia Curia e subito dopo assegnato a Beltrando De Baume. Alla morte di questi ne divenne Feudatario nel 1285 Giovanni Pipino, dei Conti di Potenza.

Durante il Regno di Ladislao Durazzo D’Angiò (1400) il Feudo passò ai Dentice, cui fu riconfermato in periodo aragonese (1467) da Alfonso I.

Messo in vendita, per i debiti contratti da questa Casa, venne acquistato dal Principe Giovan Battista Sangro nel 1633.

Estintisi i Sangro, senza eredi maschi, nella seconda metà del XVIII sec. l’ultima erede, Francesca la portò in dote a Francesco Loffredo, Conte di Potenza. Dopo l’eversione della Feudalità del 1806 il solo titolo passò nel 1891 ai Marchesi Sanfelice di Bagnoli.

Durante la rivolta antifrancese del 1806 Viggiano fu il centro più accanito dell’insorgenza e pagò con una settantina di morti.

Nel periodo risorgimentale partecipò attivamente ai moti del 1848 e alla marcia su Potenza dell’Agosto 1860.

Gravemente danneggiata dal grande terremoto del 1857 contò ben 800 morti e 200 feriti.

L’emigrazione viggianese del XIX sec. fu contrassegnata dalla diffusione nel mondo dei Suonatori girovaghi d’arpa e violino che il Parzanese immortalò nei versi “Ho l’arpa al collo son Viggianese / tutta la terra è il mio paese / Come la rondine che lascia il nido / passo cantando di lido in lido”.

Dopo il terremoto del 1980 venne ubicata nel suo territorio, in località Cembrina, un’area industriale per il rilancio economico del Comprensorio.

 

Itinerario nel centro antico

Percorrendo la S.S. 276, dopo una serie di curve di 9 km., si giunge con il C.so Vittorio Emanuele a Piazza Plebiscito, fulcro della vita di Viggiano.

E' in questa piazza, detta anche Largo Giuseppe Verdi, che inizia l’itinerario consigliato

Prima emergenza da poter ammirare è la Chiesa San Rocco ,, posta direttamente sul Corso Vittorio Emanuele. Essa risale al XIX secolo e presenta due piccoli campanili sulla facciata.

Poco più avanti vi è la Chiesa di Sant'Antonio Abate, del XVIII sec.

Lungo via Roma, che ha inizio alla destra di Piazza Plebiscito, si erge la Chiesa di San Sebastiano, del XVII secolo. Al suo interno un polittico seicentesco con cinque tele attribuite a Carlo Sellitto. 

Poco più avanti, la  Chiesa Madre o Basilica Pontificia Minore ,, detta anche Chiesa di Santa Maria del Deposito. Vi si accede mediante un’ampia scalinata a doppia rampa. Sul portale vi è un pannello maiolicato raffigurante la Madonna Nera e di recente è stato apposto un maestoso portone di bronzo con formelle scolpite.

La struttura conserva molte sculture lignee, una tela ottocentesca con S. Cecilia (protettrice dei musicanti) e, sul lato destro del transetto, un dipinto del '600 con l’Immacolata. Il soffitto è a formelle dipinte del XIX sec.

Da Settembre a Maggio vi si custodisce la statua lignea della Madonna.

Proseguendo per Corso Umberto I°, si giunge ai ruderi della Chiesa di Santa Maria La Preta , e di lì alla Chiesa di S. Benedetto del XVI sec. ,.

Alla sommità dell’abitato residuano due torri e parte delle mura del Castello medioevale.

Ritornando a Piazza Plebiscito, e procedendo per via Margherita di Savoia, dopo una lunga discesa, si giunge alla S.P. 11/bis, dove, in un’ampia curva, è sito l’ottocentesco palazzo Sanfelice.

Nei pressi, in località Sant'Angelo, vi sono la Chiesa di Sant'Antonio, del 1542 e l’annesso Convento di S. Maria di Gesù, costruito per l’Ordine Francescano nel 1478 e trasformato nel XIX sec. in convitto.

Nella chiesa, ad aula unica con volta a botte, si possono ammirare un coro ligneo del '600 e un dipinto su tela di Francesco Guma da Pignola, del 1626.

 

Monte di Viggiano (mt. 1723 s. I. m.)

Il rilievo, che dista circa 11 Km. dal centro abitato, spicca in mezzo alla vegetazione di faggi ed è interessante anche dal punto di vista geomorfologico e geologico; infatti è un massiccio roccioso dalla forma allungata , di natura calcarea, la cui formazione risale al Cretaceo. Sulla vetta il Santuario della Madonna Bruna e sulle pendici strutture ricettive ed impianti sciistici. Da visitare, nei pressi, la Fontana dei Pastori e la Fontana Acquafredda.

 

L'artigianato viggianese

Nei ultimi tre secoli gli artigiani viggianesi hanno costruito, con talento ed abilità, arpe e violini, strumenti che compaiono negli stemmi in pietra dei portali del paese e nelle stampe d’epoca.

In Viggiano, oggi, ancora si producono zampogne e ciaramelle, strumenti tipici della tradizione musicale lucana.
Il più noto costruttore di questi strumenti musicali è stato, negli ultimi tempi, Giuseppe Belviso, che dal 1982 ha collaborato anche con
il Centro Studi sul suono e la danza popolare di Firenze.

 


 

 

Manifestazioni ed eventi:

I° domenica
di maggio
Festa in onore della Madonna del Sacro Monte di Viggiano.
La statua viene trasferita nel Santuario del monte.
I° domenica
di settembre
Festa in onore della Madonna del Sacro Monte di Viggiano.
Il simulacro della Madonna viene ritrasferita, con una solenne processione, in paese.
I° domenica
di ottobre
Sagra dell’uva in località "Vigne".
   

    
Fiere e Mercati:


mercati
I° e III° giovedì del mese
fiere 24 gennaio / ultimo sabato e domenica di maggio / 10 agosto / 12 settembre / prima domenica di ottobre


Altri Eventi (segnalati)

 

 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivici ]