Home Page

Artisti Lucani

Guest Book

Collaborazione

Torre Molfese

le OPERE

S. Arcangelo



STORIA DELLA MEDICINA PER IMMAGINI

ANTONIO MOLFESE
 


 

STORIA DELLA MEDICINA PER IMMAGINI
a cura di Antonio Molfese

Titolo originale:
A History of Medicine in Pictures,
a cura di George A. Bender,
Tavole di Robert A. Thom, Parke, Davis & Company, Detroit 1961

Traduzione di Giulia Giunta
(revisione di Carla Lonigro)

2003 Viviani Editore s.r.l., Roma

Redazione: Patrizia Romano
Progetto Grafico e Impaginazione: Carlo Soldatini
Copertina: Fiorella Foglia

Edizione realizzata per la Fondazione Pfizer

(Per gentile concessione di Pfizer Consumer Group, Pfizer Inc.)

 

I N D I C E

.

Scheda I - La Medicina Primitiva
Scheda II - La Trapanazione del Cranio nell'Antico perù
Scheda III - Sùsruta, Chirurgo dell'Antica India
Scheda IV - La Medicina nell'Antico Egitto
Scheda V - I Templi ed il Culto di Asclepio
Scheda VI - Ippocrate: la Medicina diventa Scienza
Scheda VII - Galeno: un Ascendente Protratosi per oltre 14 Secoli
Scheda VIII - Ràzì e la Medicina Araba
Scheda IX - Il Codice di Hammurabi
Scheda X - Gli Ospedali Medievali
Scheda XI - Paracelso: 'la Procellaria' della Medicina
Scheda XII - Parè: la Chirurgia Acquista Prestigio
Scheda XIII - Vesalio e l'Anatomia Umana
Scheda XIV - Harvey e la Circolazione del Sangue
Scheda XV - Sidenham: il Fautore della Medicina Clinica
Scheda XVI - Leeuwenhoek e gli Animalcules
Scheda XVII - Lind: Colui che ha Sconfitto lo Scorbuto
Scheda XVIII - Lavoisier: Ossigeno, Combustione e Respirazione
Scheda XIX - Rontgen: i Raggi Invisibili che Salvano la Vita
Scheda XX - La Sconfitta della Febbre Gialla
Scheda XXI - Ramòn y Cajal: 'il Cartografo' del Sistema nervoso
Scheda XXII - Ehrlich: le Origini della Chemioterapia
Scheda XXIII - Cushing e la Neurochirurgia
Scheda XXIV - Cannon: il Ricercatore nel Campo della Fisiologia
Scheda XXV - Goldberger: Carenze e Malattie Alimentari
Scheda XXVI - Banting, Best e il Diabete
Scheda XXVII - L'Era degli Antibiotici
Scheda XXVIII - La Medicina di Oggi e di Domani
Glossario dei Rimedi di Origine Vegetale
Glossario dei Termini Medici
Glossario dei Rimedi di Origine Minerale e Chimica
Glossario dei Rimedi di Origine Animale
Ringraziamenti
.

PRESENTAZIONE

Nell'incessante avanzamento delle acquisizioni scientifiche e nel progresso incalzante delle loro applicazioni in clinica, oggi nessuno più dubita dell'importanza di adeguate conoscenze di storia della medicina. Ciò non solo tra coloro che esercitano le professioni sanitarie, ma anche tra le persone di cultura che desiderano una traccia storica per avvicinarsi alla comprensione dei problemi, delle dottrine e degli stessi linguaggi medici.
Gli attuali ordinamenti didattici universitari non collocano più la disciplina, come una volta, tra gli insegnamenti complementari destinati ad arricchire la cultura dello studente, ma le affidano il compito di completarne la formazione, orientandolo a padroneggiare i concetti fondamentali delle scienze umane riguardanti l'evoluzione storica delle dottrine e dei valori della professione medica, compresi quelli etici. C'è dunque un nuovo interesse nel ricordare lontane vicende, non per narrare percorsi e tappe vittoriosi, ma per riflettere sulle idee e i pensieri che hanno via via governato l'agire del medico e del chirurgo e confrontarli con le nostre aggiornate esigenze. La diversità di certi modi di vedere fa sentire il desiderio di unicità culturale nell'affrontare dubbi e meditazioni, verso una civiltà che non sta diventando più semplice, ma più raffinata e più pensosa. Forse si può applicare al nostro tempo il lemma Zwischenzeit, usato dai teologi per esprimere il concetto di un momento di passaggio tra qualche cosa che non è ancora morta e qualche cosa che non è ancora nata. Forse siamo veramente tra quelle generazioni che hanno il dovere di gettare le fondamenta del futuro, anche in medicina come in molti altri territori del vivere in consorzio umano, ma che non sanno ancora bene quale nuovo modello potranno usare, quasi presi da un destino del costruire senza conoscere il progetto. Siamo pronti a una nuova consapevolezza di fronte a queste idee. La medicina si colloca tra le risorse indispensabili e più richieste dalla società a ogni livello, la sua presenza invade e condiziona largamente ogni aspetto della vita umana, la sua voce è alta, vuole farsi ascoltare ed è sempre richiesta dovunque. Cresce costantemente il desiderio di interrogarla, nell'attesa che ci informi quotidianamente di nuove scoperte e di nuovi progressi, verso l'inarrivabile meta di eliminare la malattia e di allontanare la morte. Ma una medicina corretta, adulta e consapevole della perdurante validità di antichi ammaestramenti, deve anche conoscere bene i limiti del suo potere e un medico responsabile del proprio agire deve restare ancorato a queste premesse.
Del resto, come sappiamo bene, non è vero che fatti storici importanti sono capaci di istruire nella lettura lineare degli eventi. È piuttosto vero che dobbiamo studiare la storia con un approccio che mira non ad acquisire certezze, ma ad acquisire problemi, sempre aggiornandoci e tenendo conto del mutare di prospettiva, sicché non c'è mai una storia già data a cui ricorrere come a risorsa sicura e sempre pronta per dare significato al presente. Così, ci troviamo a scoprire che cambiano le nostre idee e cambia il nostro modo di vedere. Pronti a dimenticare le vecchie regole per seguire quelle nuove, mutano atteggiamenti importanti, graduatorie di investimenti e di interesse e spesso, anche all'interno di una stessa generazione, ci accorgiamo di esserci noi stessi trasformati. In questa prospettiva, la storia si pone al servizio della medicina militante. Per aiutarla nel suo compito occorre garantirle cura e attenzioni, occorre occuparsi di come viene proposta, come viene insegnata e con quali strumenti. Accanto a una pubblicistica divulgativa che oggi, in misura sempre crescente, viene offerta dalla grande editoria con esuberanza di titoli, si apre ancora un largo spazio per gli studi che possono affiancare utilmente i trattati e i manuali didattici, senza rinunciare al rigore di intenti della ricerca che vive nelle sedi autorevoli delle riviste specializzate. L'impegno di Antonio Molfese è preciso e diretto in questa direzione, nel riproporre un testo pregevole che, dopo mezzo secolo dal suo primo apparire, non cessa di avere validità. Il volume offerto ora in veste aggiornata arricchisce il panorama di una letteratura specialistica capace di fornire le basi di approccio storico alle conoscenze mediche, utili ai professionisti delle istituzioni sanitarie, come a chi opera in altri ambiti di cultura. Dopo diverse altre lusinghiere opere di storia, l'autore ci presenta una nuova ampia testimonianza del suo autentico interesse per la nostra disciplina. Un adeguato corredo di utili apparati completa la struttura dell'opera. I glossari orientano e sciolgono dubbi nella lettura di molti capitoli e l'importante serie di tavole conduce immediatamente e con facilità alla comprensione dei temi trattati. Nel testo e nelle immagini si evidenziano i vari problemi in cui l'esercizio della medicina si trovò impegnato nel corso del tempo e la testimonianza della molteplicità di fonti che ci aiutano a delinearne la storia.

GIUSEPPE ARMOCIDA
Presidente della Società Italiana di Storia della Medicina

 

Centro Regionale Lucano
dell'Accademia di Storia dell'Arte Sanitaria
TORRE MOLFESE
San Brancato si S. Arcangelo (PZ)

Pubblicazione sul web:
autorizzata dall'autore

 

 

 

[ Mailing List ] [ Home ] [ Scrivimi ]